Home / Affari di Palazzo / Esteri / E’ in corso una piazza Tienanmen americana per rovesciare Trump

E’ in corso una piazza Tienanmen americana per rovesciare Trump

Condividi quest'articolo su -->

Le rivolte, i pogrom e le proteste in corso negli Stati Uniti in questo momento sono interessanti per la loro profondità politica, la loro complessità e la loro esposizione di numerosi dettagli che non erano stati precedentemente visibili dietro il sipario della correttezza politica e dei costrutti mitologici.

di Leonid Savin

Da un lato, mostrano il potenziale di conflitto sociale, le ragioni del quale sono radicate nello stesso sistema statale americano e, dall’altro, tradiscono la debolezza del governo, la cui risposta a tali disordini in passato è stata dura e spietata.

Quando George Floyd, un recidivo afroamericano, ha cercato di acquistare qualcosa in un negozio con una banconota sospetta da venti dollari, la cassiera ha chiamato la polizia, a cui è seguito l’incidente che ha scatenato le attuali proteste. In effetti, la reazione a catena è iniziata immediatamente, passando dalle proteste ai pogrom, con pochi che esprimevano interesse per gli eventi che li avevano causati.

Secondo l’attuale legge americana, tuttavia, la polizia ha il diritto di usare la forza contro i sospetti che stanno facendo resistenza. Tuttavia la stampa e alcuni attivisti hanno trasformato l’evento in un nuovo feticcio politico che viene pubblicizzato sotto lo stendardo di una campagna anti-razzismo.

Minneapolis, una città abbastanza prospera rispetto ad altre simili aree metropolitane della “Cintura della Ruggine”, è diventata un focolaio di violente proteste che si sono diffuse rapidamente in altri Stati.

Tutto ciò sta accadendo nel corso della pandemia di coronavirus

con un gran numero di morti, ma sembra che il virus non influenzi i rivoltosi. Gli stessi rivoltosi possono essere divisi in diversi gruppi: elementi anti-sistema, inclusi gli afroamericani, anarchici e altri gruppi marginali di tipo Antifa; saccheggiatori che rapinano negozi; difensori dei diritti umani alla ricerca di capri espiatori; politici e funzionari del governo che, per una serie di ragioni, sostengono le proteste.

Tutto ciò sta minacciando di svilupparsi in una nuova etichettatura politica e storica. Il 1° giugno, una piccola sezione di una strada a Washington è stata ribattezzata Black Lives Matter Plaza. Ciò è stato fatto per ordine del sindaco della capitale, Muriel Bowser. In altri luoghi, nel frattempo, vengono profanati i monumenti a persone specifiche e i memoriali collettivi.

La campagna di protesta ha anche assunto una nuova dimensione con nuove richieste ed è apparso un nuovo slogan: “Defund the Police”. Gli organi di stampa che sono solidali con i manifestanti, apertamente o di nascosto, hanno iniziato a pubblicare ogni tipo di ricerca sul grado di militarizzazione delle forze dell’ordine negli Stati Uniti e sulla quantità di denaro che è stata spesa per le loro attività.

È stato riferito che, nel 2019, la polizia di New York ha speso 187 milioni di dollari per operazioni antiterrorismo e altri 116 milioni di dollari per l’addestramento della polizia. Probabilmente ci sono alcuni che pensano che questo sia troppo e, sotto la pressione dei contribuenti o, piuttosto, l’illusione di questa pressione, alcuni legislatori si affretteranno a trasformarlo in capitale politico.

Comunque, un certo numero di politici

per lo più democratici, ha già rapidamente raccolto i massimi dividendi dal caos in corso. Lunedì 8 giugno, il candidato presidenziale democratico americano Joe Biden ha visitato la famiglia del defunto George Floyd. Ci sono voci che dicono che Biden dovrebbe basare la sua piattaforma per la campagna [elettorale] sulla smilitarizzazione delle forze di polizia statunitensi.

Alcuni giornali hanno effettivamente pubblicato guide su come protestare in sicurezza e su come proteggersi dalla sorveglianza digitale e dalle potenziali implicazioni legali.

Il funerale del nero assassinato ha avuto luogo nelle migliori tradizioni di un film sulla mafia di Hollywood: una bara d’oro, un inginocchiarsi rituale e molte chiacchiere patetiche sui diritti umani. Se si potesse dimenticare la storia di fondo e guardare solo questa immagine, si potrebbe pensare che fosse un ricco uomo d’affari o un funzionario di alto rango che veniva seppellito, piuttosto che un criminale recidivo.

La violenza organizzata

nel frattempo, si sta diffondendo in tutto il paese. Alcuni lanciano cocktail Molotov alle auto della polizia, mentre altri producono esplosivi fatti in casa. Delle bombe vengono lanciate contro la polizia. E, a Richmond, un adolescente nero ha sparato a due poliziotti. Abbiamo anche visto i primi decessi della polizia a causa di esplosivi fatti in casa. Di questo passo, la spirale di violenza negli Stati Uniti non farà che continuare.

Tuttavia, la polizia, la Guardia Nazionale e le compagnie di sicurezza private sono state impiegate nella massima misura possibile – elicotteri, veicoli blindati e persino carri armati sono stati nelle strade di molte città degli Stati Uniti. A Washington, gli elicotteri dell’esercito sono stati usati per cercare di disperdere la folla. Successivamente, un certo numero di Stati e città hanno introdotto restrizioni alla polizia sull’uso armi antisommossa durante la dispersione dei manifestanti. Anche questi incidenti vengono politicizzati.

Non meno interessante è il ruolo delle società in questi eventi. Molti si sono affrettate a sostenere le rivolte e hanno offerto persino un sostegno ai saccheggiatori e ai gruppi che protestavano contro il governo.

Le principali aziende

che hanno apertamente parlato a sostegno di Black Lives Matter e Antifa includono The Academy (che distribuisce gli Oscar), Airbnb, Adidas, Amazon (va notato che questa società possiede il New York Times, che è costantemente critico nei confronti di Donald Trump), American Airlines, American Express, Bank of America, Bayer, BMW, BP, Booking.com, Burger King, Cadillac, Citigroup, Coca Cola, DHL Express, Disney, eBay, General Motors, Goldman Sachs, Google, H&M, IBM, Levi’s, Lexus, LinkedIn, Mastercard, McAfee, McDonald’s, Microsoft, Netflix, Nike, Paramount Pictures, Pepsi Co, Pfizer Inc., Porsche, Procter & Gamble, Society Generale US, Sony, Starbucks, Twitter, Uber, Verizon, Walmart, Warner Bros, YouTube e Zara. Si conoscono circa 300 aziende e organizzazioni.

Questo è un sintomo caratteristico della globalizzazione avanzata, quando le società transnazionali si sentono abbastanza potenti e ricche da sfidare i governi, sebbene in modo relativamente indiretto. Molti dei capi di queste corporazioni stanno dimenticando le lezioni che ci sono state insegnate dalla Storia secondo cui molti capitalisti che hanno finanziato rivoluzioni e colpi di stato sono stati rimossi dall’insieme quando non erano più necessari.

Il residuo del protezionismo statale di oggi, anche negli Stati Uniti, è un osso in gola per il capitale globale. Ci sono stati avvertimenti su una “insurrezione plutocratica[10], in cui il capitale privato negli Stati Uniti allarga il divario economico, portando ad un aumento delle attività criminali e rivolte sociali.

Vi sono anche altre “coincidenze” interessanti

che mostrano che le proteste su larga scala sono in qualche modo sistematiche nella loro natura, indipendentemente da dove si verifichino. Il noto pianista Davide Martello, ad esempio, che si è esibito a Istanbul e Kiev durante le campagne antigovernative, è stato recentemente avvistato a Minneapolis durante le proteste pubbliche. Per inciso, i colpi di Stato in Turchia e Ucraina sono stati supportati anche da alcune delle società sopra elencate, come la fondazione del creatore di eBay, Pierre Omidyar.

Gli analisti statunitensi hanno notato che

l’America è uno stato fragile e la stabilizzazione non è prevista a breve termine”. Esistono valutazioni più severe. “Siamo un pasticcio arretrato, disfunzionale, arrabbiato e anti-intellettuale. Non solo Trump, notizie via cavo o Twitter, ma tutta la fottuta cultura. […] Gli storici futuri segneranno la peste del 2020 come l’inizio della fine dell’ “esperimento” americano”, scrive Duncan Moench.

Dato che tutto ciò sta accadendo alla vigilia delle elezioni presidenziali, per Donald Trump sta scadendo il tempo di prendere decisioni efficaci e riportare la situazione sotto il suo controllo. La sua cerchia di avversari sta crescendo. Persino il suo ex segretario alla Difesa, James Mattis, ha definito Trump una “minaccia alla Costituzione”. Il Giorno dell’Indipendenza, il 4 luglio, potrebbe rivelarsi un catalizzatore per una nuova ondata di proteste o un punto di partenza per una riconciliazione nazionale, ma sarà estremamente difficile da raggiungere. La società americana è più polarizzata che mai.

 

Leggi anche:

Black Lives Matter e una statua gettata nel fiume

Condividi quest'articolo su -->

Di Redazione Elzeviro.eu

Redazione Elzeviro.eu
--> Redazione

Cerca ancora

Il gigantesco scandalo della Famiglia Biden

Hunter Biden, il figlio del candidato democratico Joe Biden, era obbligato a versare al padre …