Home / Affari di Palazzo / Esteri / Il coronavirus sta cambiando il paesaggio globale della tecnologia cibernetica

Il coronavirus sta cambiando il paesaggio globale della tecnologia cibernetica

Condividi quest'articolo su -->

Una delle conseguenze del coronavirus e delle misure di quarantena introdotte in numerosi Paesi è stata un aumento della domanda di Internet. I governi stanno cercando di regolare il traffico Internet utilizzando i mezzi e le misure disponibili.

di Leonid Savin

Il colosso statunitense di Internet Verizon è stato autorizzato [1] dalla Federal Communications Commission a utilizzare uno spettro aggiuntivo. A marzo il traffico è aumentato [2] del 70% in Italia e del 40% in Polonia e Spagna. In Europa, Netflix, Amazon, YouTube e Facebook hanno ridotto la qualità dei loro video.

La virtualizzazione dei luoghi di lavoro, l’uso di app per la consegna di alimenti e la visualizzazione di contenuti vari hanno influenzato la larghezza di banda e il traffico in molti Paesi. Inoltre, numerosi Paesi hanno nuovamente sollevato la questione della rilevanza della telemedicina, mentre i più avanzati hanno attirato l’attenzione sulle capacità dei supercomputer di preparare scenari di trasmissione delle malattie e sviluppare cure. E, naturalmente, tutto ciò ha avuto un impatto sulla sicurezza informatica.

Un esempio di telemedicina

La Reuters [3] scrive che l’attività di hacking negli Stati Uniti è raddoppiata. L’agenzia fa anche riferimento a una dichiarazione di Tom Kellermann del dipartimento di sicurezza di VMware. VMware è un giocatore piuttosto interessante nell’IT e nelle tecnologie cibernetiche. La società è stata fondata da Diane Greene, che è stata anche CEO delle attività cloud di Google ed è stata membro del consiglio di amministrazione di Alphabet dal 2012 al 2019.

Un altro dei fondatori della società è stato il professor Mendel Rosenblum dell’Università di Stanford, che è anche il marito di Diane Greene. L’obiettivo principale del lavoro di VMware è lo sviluppo di software di virtualizzazione. Sin dal suo inizio nel 1998, la società ha rilevato oltre dieci altre aziende e i suoi amministratori hanno incluso i dirigenti di Microsoft e Intel.

È interessante notare che Kellermann ha commentato gli hack [4] “dalla Russia” con altrettanto entusiasmo nel 2017. Ha dichiarato che, nel 2015, la sua azienda

aveva avvertito l’FBI e l’Ufficio del Direttore dell’Intelligence Nazionale che gli hacker del Cremlino avevano stilato un elenco di 2.300 persone, comprendente i leader più potenti di Washington e New York insieme ai loro coniugi e amanti per prenderli di mira con una campagna di hacking concertata”.

Kellermann ha affermato di non sapere se il governo abbia agito o meno su suo consiglio, ma ha avvertito che gli hacker potrebbero accendere microfoni e telecamere sui dispositivi personali dei loro obiettivi per ottenere informazioni sensibili sulla loro vita privata. Ritiene, tuttavia, che la campagna abbia compromesso con successo i leader statunitensi.

Kellerman ha anche osservato che gli approcci agli attacchi online sono predatori di aggressioni armate e ha predetto che il conflitto tra gli Stati Uniti e la Russia sarebbe probabilmente scoppiato nella regione baltica. “Sono molto, molto preoccupato”, ha detto. “Il cyberspazio è sempre il precursore della realtà cinetica”. L’Occidente ha poi visto un’ondata di articoli sui preparativi della Russia per attaccare gli Stati baltici e forse anche la Finlandia. Il Pentagono ha anche effettuato una serie di esercitazioni congiunte nella regione.

Per molte parti interessate, la valutazione dell’attuale situazione della cybersicurezza negli Stati Uniti è casualmente coincisa con la persecuzione delle società cinesi. Nel febbraio 2020, gli Stati Uniti hanno accusato quattro cittadini cinesi di aver hackerato Equifax. I media fanno riferimento alle informazioni [5] fornite dal noto fantasista Dmitri Alperovitch di CrowdStrike, che afferma che APT1, APT3 (Buyosec) e APT10 hanno collegamenti ai servizi di intelligence cinesi.

Nell’aprile 2020, l’app cinese Zoom è stata riconosciuta negli Stati Uniti [6] come uno strumento per spiare gli americani e il suo uso è stato proibito in tutti i settori del governo. E a gennaio, durante un discorso in California sulle relazioni tra la Silicon Valley e la sicurezza nazionale, il segretario di Stato americano Mike Pompeo ha dichiarato [7] che “il gruppo A.P.T. 10 è collegato al Ministero della Sicurezza dello Stato cinese”. Tutto sommato, la metà dei discorsi in quel momento ha affrontato le problematiche che l’establishment vede nella crescita della Cina e delle sue tecnologie.

I politici americani scuotono minacciosamente i pugni e gridano che la tecnologia cinese del 5G non sarà consentita negli Stati Uniti. Tuttavia, gli esperti sostengono [8] che il 5G è la spina dorsale della comunicazione del 21° secolo e che i Paesi dovranno cooperare una volta terminata la crisi del coronavirus.

È probabile che le aziende IT locali inizieranno a colmare il vuoto. Il successo sarà garantito a coloro che hanno buoni collegamenti alla Casa Bianca e al Pentagono, qualcuno come l’ex capo del Cyber ​​Command degli Stati Uniti e l’ex direttore dell’NSA Keith Alexander, ad esempio, che è attualmente capo della sicurezza informatica di IronNet.

Le forze armate statunitensi contano anche su una parte sostanziale della torta degli aiuti di Stato nella lotta contro il coronavirus. Ancor prima che Donald Trump firmasse il decreto sull’assegnazione di 2,3 trilioni di dollari, il Pentagono ha annunciato di essere attivamente coinvolto nel processo di riorganizzazione dei lavori e di aver bisogno di fondi aggiuntivi per gestire reti, computer e sistemi. La scorsa settimana, ha ricevuto [9] 10,5 miliardi di dollari dal “pacchetto di aiuti al coronavirus” del governo e questo solo per gli avvii.

Poiché l’assegnazione di questo pacchetto di aiuti è già in pieno svolgimento negli Stati Uniti, sei organizzazioni – l’Information Technology Industry Council, l’Alliance for Digital Innovation, la CompTIA, il Center for Procurement Advocacy, l’Internet Association and Cybersecurity Coalition – si sono appellate [10] al Congresso degli Stati Uniti affinché tenga conto dei loro interessi nel prossimo pacchetto di aiuti, che è già in preparazione. Esse propongono l’allocazione di finanziamenti per gli aggiornamenti tecnologici, il sostegno del settore pubblico locale, il rafforzamento delle misure di sicurezza informatica e la creazione di un fondo speciale per lo sviluppo di tecnologie governative.

Molte aziende di cybertecnologia si sono precipitate nel settore sanitario nella speranza di fare soldi con il clamore e il panico. La società americana BenevolentaI [11], ad esempio, ha annunciato l’uso dell’intelligenza artificiale per il trattamento dei pazienti con coronavirus. Apparentemente, alcuni farmaci sviluppati con l’aiuto dell’intelligenza artificiale sono già in uso per la terapia ed una panacea sta per arrivare. Significativamente, ci sono un gran numero di startup nel settore statunitense dell’intelligenza artificiale. Sono queste nuove aziende che prevedono le tendenze [12] nella telemedicina e nelle future nanomedicine lungo le linee di un chip incorporato nel corpo, come suggerito da Bill Gates.

Il COVID-19 ha persino influito sul funzionamento dei cavi sottomarini, attraverso i quali passa gran parte del traffico Internet mondiale. I guasti ai cavi si verificano regolarmente sul fondo dell’oceano e una flotta dedicata viene impiegata per ripararli. Vi sono già stati ritardi [13] nel rilascio dei permessi. Le misure di quarantena hanno anche portato un fornitore di cavi sottomarini a chiudere due delle sue fabbriche.

Non c’è dubbio che alti e bassi come questi non riguardino solo gli Stati Uniti e l’Europa, ma anche la Russia e il resto del mondo, poiché Internet e le tecnologie cibernetiche sono universali. La domanda è come risponderanno esattamente i governi e a cosa daranno la priorità: agli interessi delle società informatiche private o quelli della loro stessa popolazione nel suo insieme?

 

[1] https://www.commsupdate.com/articles/2020/03/20/verizon-is-the-latest-us-cellco-to-receive-temporary-spectrum-boost/

[2] https://blog.telegeography.com/internet-traffic-surges-as-covid-19-spreads

[3] https://www.reuters.com/article/us-health-coronavirus-cyber-corporations/hacking-against-corporations-surges-as-workers-take-computers-home-idUSKBN21Z0Y6

[4] http://www.politico.com/magazine/story/2017/06/12/how-russia-targets-the-us-military-215247

[5] https://www.cyberscoop.com/china-pla-hacking-indictment-deterrence/

[6] https://www.businessinsider.com/foreign-intelligence-agents-china-spying-on-americans-zoom-2020-4

[7]

 https://www.state.gov/silicon-valley-and-national-security/

[8]  https://www.c4isrnet.com/opinion/2020/04/14/technology-alliances-will-help-shape-our-post-pandemic-future/

[9] https://www.nextgov.com/cybersecurity/2020/04/defense-department-details-rapid-increase-teleworking-capacity-here-stay/164590/

[10] https://www.nextgov.com/it-modernization/2020/04/groups-urge-congress-fund-federal-tech-upgrades-next-covid-stimulus-bill/164669/

[11] https://www.businessinsider.com/benevolentai-uncovered-potential-coronavirus-treatment-2020-4?IR

[12] https://blog.benchsci.com/artificial-intelligence-in-drug-discovery-trends-and-statistics

[13] https://blog.telegeography.com/covid-19-impact-on-the-submarine-cable-industry

 

 

 

 

********************

Articolo originale di Leonid Savin:

https://www.geopolitica.ru/en/article/coronavirus-changing-global-landscape-cybertechnology

Traduzione di Costantino Ceoldo

Condividi quest'articolo su -->

Cerca ancora

Alzheimer: possibile identificazione precoce con un test del sangue

Uno studio svedese e uno americano hanno riscontrato alcuni dati interessanti per la ricerca contro …