Home / Affari di Palazzo / Esteri / «Rinunciate alla sovranità nazionale!» – la Germania getta la maschera

«Rinunciate alla sovranità nazionale!» – la Germania getta la maschera

Condividi quest'articolo su -->

Posso promettere di essere sincero, non di essere imparziale (Johann Wolfgang Goethe, 1833)

Quando si dice “gettare la maschera”…

La Germania «non difende l’euro per generosità o perché le avanzano soldi, ma perché i tedeschi hanno i maggiori vantaggi dalla valuta unica».Così il ministro tedesco delle Finanze, Wolfgang Schäuble, che in un’intervista al sito online del settimanale Wirtschaftswoche indica che secondo un recente sondaggio il 69% dei cittadini tedeschi è favorevole all’euro, un risultato che il ministro giudica «sensazionalmente buono. E anche la tranquillità dei mercati finanziari rispetto alla crisi di Cipro ci mostra che siamo sulla giusta strada nei nostri sforzi di salvataggio».E questo è il primo slancio di sincerità “parziale”

La cancelliera tedesca Angela Merkel manda invece un messaggio chiaro ai paesi dell’Eurozona avvertendoli del bisogno di cessione sovranità nazionale.La presidentessa difende le strategie fin qui adottate per affrontare la crisi dei debiti sovrani che ancora imperversa in Europa con tutta se stessa; non fa, a dispetto delle critiche arrivate da economisti di tutto il mondo, nessun mea culpa e, oltre alla ricetta amara dell’austerity, ora chiede anche di più: “la cessione della sovranità nazionale” dei paesi membri dell’Eurozona, in alcuni processi decisionali.

Stando a quanto riporta il sito Reuters, la cancelliera tedesca ha affermato che i paesi dell’Eurozona devono prepararsi a cedere la propria sovranità, se vogliono davvero superare la crisi dei debiti e riacquistare la fiducia degli investitori esteri.

Non ha risparmiato forti critiche: “Quando siamo di fronte all’abisso, sembra che riusciamo a trovare soluzioni comuni. Ma appena le pressioni si allentano, ognuno dice di voler fare a modo proprio. Noi dobbiamo accettare che l’Europa ha l’ultima parola in alcune aree. Altrimenti non saremo capaci di continuare a costruire l’Europa”.

E ancora: ciò non significa che “dovremo rinunciare alle decisioni nazionali sempre, ma è necessario essere compatibili perché ora c’è il caos. Dobbiamo essere pronti a rompere con il passato in modo da andare avanti, e io sono pronta a farlo”.Più chiari di così è difficile esserlo in diplomazia. E questo è lo slancio di sincerità decisivo…

La Germania sta dicendo a Paesi come l’Italia che, se vogliono rimanere nel club euro, devono scordarsi di essere una Nazione libera e sovrana; devono dimenticare la loro storia e le loro conquiste politiche; devono mettere da parte la propria carta costituzionale.Insomma, dobbiamo consegnarci al governo ombra di Berlino, delegato ad oscuri burocrati e lobbisti, sotto l’ombrello di personaggi come Herman Van Rompuy.

E pensare che i nostri 900 e rotti parlamentari, un paio di giorni fa hanno salutato la rielezione di Napolitano…cantando orgogliosi l’Inno di Mameli: vergognosi.

Giuseppe Franchi – Mov. Noi automobilisti (Naa)

Condividi quest'articolo su -->

Di Redazione Elzeviro.eu

Redazione Elzeviro.eu
--> Redazione

Cerca ancora

Il nuovo Segretario di Stato mette le basi per una nuova politica estera

In questo giorno inaugurale giuro di essere un presidente per tutti gli americani e chiedo …