Home / Affari di Palazzo / Esteri / Il Financial Times decide per noi: “Se vince il No, Italia fuori dall’euro!”

Il Financial Times decide per noi: “Se vince il No, Italia fuori dall’euro!”

Il futuro della politica italiana non viene deciso da noi cittadini, questo è ormai chiaro.

 

A pensare e scegliere per noi ci pensano già i protagonisti della finanza internazionale. Abbiamo già scritto sulle nostre pagine come colossi quali Goldman Sachs e JP Morgan abbiano già fatto il loro non richiesto endorsement sul Referendum Costituzionale previsto per il prossimo 4 dicembre.

Più ci si avvicina a tale data, più grosse diventano le minacce da parte del mondo finanziario. Lo stesso mondo che ha tentato in tutti i modi di terrorizzare chi aveva intenzione di votare per il Brexit. A questo giro ci ha pensato il condirettore del Financial Times, il principale giornale economico-finanziario del Regno Unito, tale Wolfgang Munchau che così ha scritto: “il 5 dicembre l’Europa potrebbe svegliarsi con l’immediata minaccia della disintegrazione“, con una possibile uscita dall’euro.

Una possibilità che “non ha nulla a che fare con il referendum stesso“, ma con altre cause. Secondo Munchau queste cause sarebbero da ricercare nella mancata crescita economica dell’Italia all’interno dell’Unione europea.

Se però il referendum non c’entra nulla con l’uscita dall’euro, perché allora dovrebbe crearsi il panico il 5 dicembre e non in una qualsiasi altra data? Sembra che così Munchau voglia deresponsabilizzarsi rispetto alle minacce lanciate.

Non meno invasivo è stato l’intervento del Wall Street Journal che per penna di Riva Gold e Giovanni Legorano ha affermato l’auspicabilità di un governo tecnico in caso di vittoria del NO.

Un’ipotesi in effetti non troppo remota vista anche la posizione dell’ex premier non eletto Mario Monti che si è espresso a favore del No, quasi a volersi inserire dopo un eventuale abbandono di Matteo Renzi.

La lista di chi fa endorsement per il Referendum Costituzionale continua ad allungarsi, tuttavia come è successo per Brexit e per le elezioni presidenziali americane, la popolazione pare fregarsene di simili minacce e ritorsioni.  

Di Redazione Elzeviro.eu

Redazione Elzeviro.eu
--> Redazione

Cerca ancora

Il prezzo del petrolio indigna più del conflitto yemenita

Malgrado l’ONU abbia definito la guerra civile nello Yemen “la più grave crisi umanitaria del …