Home / Affari di Palazzo / Economia e finanza / Introdotto il reddito di inclusione, volgarmente (dal premier) detto “legge sulla povertà”
Un soddisfatto presidente della Camera alta saluta la nuova legge.

Introdotto il reddito di inclusione, volgarmente (dal premier) detto “legge sulla povertà”

Con il sì del Senato è stata appena approvata la “legge sulla povertà“, come si è affrettato a cinguettare il premier Gentiloni. In quest’era del politically correct è indicativo come non si sia riusciti a trovare un altro modo per definire, ancorché gergalmente, ma da parte di istituzioni e grandi media, questo provvedimento. E’ un’ammissione che le istituzioni considerino “poveri” gli economicamente instabili.

Povertà materiale non dovrebbe poter essere identificata, perlomeno dal legislatore, o dalla grande testata editoriale, come povertà. Ci sono tanti tipi povertà, ma l’unica che non è necessariamente povertà è quella di chi cava farfalle dal portafogli.

Il ministro Poletti.

“Si compie oggi un passo storico

è stato il commento del ministro del Lavoro e delle Politiche sociali Giuliano Poletti.

“Per la prima volta il nostro Paese si dota di uno strumento nazionale e strutturale di contrasto alla povertà – il reddito di inclusione (REI) – che ci consente di introdurre progressivamente una misura universale fondata sull’esistenza di una condizione di bisogno economico e non più sull’appartenenza a particolari categorie (anziani, disoccupati, disabili, genitori soli, eccetera)”.

Poletti annunciato come le le risorse stanziate per questo istituto siano di 2 miliardi di euro per il 2017 ed altrettanti per il 2018, con i quali si potranno sarà possibile dare un concreto aiuto a circa due milioni di persone.

Di Redazione Elzeviro.eu

Redazione Elzeviro.eu
--> Redazione

Cerca ancora

Dal franco CFA all’ECO: il colonialismo francese continua

Il 21 dicembre 2019 ad Abidjan,la principale città della Costa d’Avorio, il presidente francese Emmanuel …