Home / Affari di Palazzo / Economia e finanza / Ecco come i giudici tedeschi possono annullare il Recovery Fund

Ecco come i giudici tedeschi possono annullare il Recovery Fund

Condividi quest'articolo su -->

Gli euroscettici tedeschi hanno combattuto da sempre varie politiche della BCE e dell’UE, ma questo è un caso potenzialmente interessante.

di Wolfgang Munchau

Bernd Lucke, professore di economia tedesco e fondatore dell’AfD, sta portando una denuncia potenzialmente dirompente davanti alla corte per fermare la ratifica del Recovery Fund. Nello specifico, si riferisce alla legge nazionale che consente all’UE di attingere ai mercati dei capitali per raccogliere i fondi per il Recovery Fund.

Il Bundestag è nella fase finale del dibattito sulla legge. Il presidente Frank-Walter Steinmeier dovrebbe firmarlo poco dopo che sarà stato finalmente approvato. Lucke e i suoi sostenitori chiedono alla corte di accettare il loro caso prima che Steinmeier firmi. È prassi che il presidente tedesco si astenga dall’apporre la propria firma mentre è in corso un procedimento.

Non è chiaro se Karlsruhe accetterà il caso

e, in caso affermativo, se lo accetterà in tempo per impedire che la legge diventi effettiva. Quello che pensiamo, tuttavia, è che il Recovery Fund sollevi questioni sotto il profilo del diritto costituzionale tedesco con implicazioni potenzialmente gravi per l’UE. Non vediamo lo scenario peggiore: Karlsruhe che blocca effettivamente il Recovery Fund.

Quello che vediamo è, se mai, che Karlsruhe imponga restrizioni al governo tedesco in futuro, come ha fatto in precedenti casi relativi all’UE. In questo caso, una possibile restrizione potrebbe essere quella di eliminare la perpetuazione – la nozione di fondo come nocciolo per una futura unione fiscale. In passato, Karlsruhe ha avuto la tendenza a dare al governo un elevato grado di libertà di agire in caso di emergenza.

Ma spesso limita la capacità del governo di perpetuare misure di emergenza. La nostra lettura dalle precedenti sentenze dei tribunali dell’UE e dell’euro è che Karlsruhe ritenga un’unione fiscale dell’UE incostituzionale.

La decisione dipenderà da come Karlsruhe

considererà il modo in cui il fondo è finanziato, ossia attraverso una condivisione del debito, come un qualcosa che costituisce un’unione fiscale in senso giuridico. Abbiamo affermato in precedenza che il Recovery Fund non costituisce un’unione fiscale in senso economico perché troppo piccolo.

Lucke non è più membro dell’AfD. Ha fondato un altro partito politico, che si chiama riformatori liberali e conservatori. Il partito è irrilevante nella politica tedesca. Lo vediamo come un veicolo per casi giudiziari. In questa fase, i procedimenti legali hanno lo status di reclamo costituzionale. La corte non ha ancora accettato il caso. Nel corso degli anni, i querelanti si sono rianimati.

In questo caso, non chiedono una sentenza

contro gli aiuti di emergenza in sé, ma contro le modalità di finanziamento. Lucke sostiene che l’UE sta cercando di abusare della situazione di emergenza per creare un’unione fiscale attraverso la porta di servizio. A differenza di Lucke, sosteniamo un’unione fiscale dell’UE, ma siamo d’accordo con lui sulle questioni legali.

Riteniamo che l’idea di un Recovery Fund perpetuo sia sostanzialmente condannata, per ragioni legali e politiche, e non produrrà mai un’unione fiscale di dimensioni sufficienti. Ciò che temiamo è la versione ologramma di un’unione fiscale, quella che consente ai politici europei di congratularsi a vicenda e di fingere di aver svolto il lavoro.

Nella sua relazione sul caso, FAZ sottolinea che la corte costituzionale tedesca ha acquisito un discreto grado di conoscenza giuridica sugli affari monetari e fiscali dell’UE, anche durante il lungo caso che coinvolge gli acquisti di attività. È quindi possibile che agiscano rapidamente, in un modo o nell’altro.

 

Leggi anche:

Alcune precisazioni sulla “fine dell’Euro”, sulla Bundesbank e su Karlsruhe

Condividi quest'articolo su -->

Cerca ancora

Quasi tre milioni di europei senza riscaldamento nell’era del green deal

Quasi tre milioni di lavoratori europei senza riscaldamento. È questa la situazione secondo la Confederazione …