Home / Affari di Palazzo / Facebook Banca Centrale mondiale e l’Italia non può nemmeno stampare Buoni del Tesoro?

Facebook Banca Centrale mondiale e l’Italia non può nemmeno stampare Buoni del Tesoro?

Condividi quest'articolo su -->

Le aziende straniere introducono moneta ma agli Stati “sovrani” tale prerogativa viene sempre piu` limitata.

Facebook introduce una moneta, mentre l’Italia non puo` nemmeno introdurre buoni del tesoro di piccolo taglio per saldare i debiti della PA.

Per quanto l’intento propagandato da Zuckerberg voglia essere venduto come nobile, il fondatore di Facebook e` ben cosciente della severita` della sua idea. A dire il vero, molto piu` di un’idea.

Related image
Libra ed i suoi partner iniziali.

Libra,

infatti, e` la nuova criptomoneta che il re dei social network vuole introdurre per rendere immediati pagamenti nell’e-commerce. A meta` del 2020, infatti, Libra verra` lanciata in tutto il mondo dai 28 partner di Zuckerberg attraverso i suoi canali, che includono Whatsapp, Facebook Messenger, Instagram chat, e con la quale sara` possibile pagare istantaneamente i vari servizi online a pagamento, da Netflix a Spotify, passando per le corse su Uber e forse addirittura la spesa presso quegli esercizi commerciali che si vorranno affiliare al colosso.

Una criptomoneta indipendente simile a BitCoin, inizialmente agganciata al dollaro per motivi di stabilita`, ma indipendente e potenzialmente capace di vita propria, ossia di influenzare le sorti dell’economia internazionale. A differenza di BitCoin, pero`, e` sorta nell’apparente legalita` e finanziata e sponsorizzata da aziende private di una certa consistenza, nell’ordine dei miliardi di dollari di fatturato nella maggior parte dei casi (Visa, Vodafone, MasterCard, Ebay, PayPal, per esempio).

La missione propagandata e` quella di creare una moneta globale che “serva” milioni di persone. Ma dov’era la necessita` di tale introduzione? I pagamenti istantanei gia` esistono: dal contactless ormai introdotto da tutte le banche ad Apple pay, (si puo` pagare tramite telefono e addirittura smartwatch), passando per i diffusissimi bonifici istantanei ecc. Evidentemente l’avidita` di Z., che abbiamo imparato a conoscere dal film the social network, lo vuole portare ad essere re del mondo, proprietario di una nuova moneta che si basa sulla tecnologia blockchain, tipico strumento – quello di una moneta proprietaria – appannaggio di sovranita` statale.

Ma lo Stato rappresenta il popolo che si da` leggi e regole di viver civile, mentre le compagnie private si basano sulla legge del mercato e il loro unico obbiettivo e`, naturalmente, il profitto individuale.

E cio` non sara` mai abbastanza sottolineato. E dotata di sovranita` monetaria e statale era anche l’Italia, fino all’introduzione dell’Euro, moneta eterodiretta dalla Banca Centrale, che tutto fa, tranne gli interessi dei singoli stati, addirittura arrivati ad essere definiti, dal vocabolario europoide tanto in voga “stati nazionali”, in una tutta immaginaria contrapposizione tra lo Stato Europa e lo stato nazionale (Italia, Spagna, ecc.).

Ma non tutto e` oro quello che luccica.

Al di fuori dei 28 aderenti al sistema Libra (che hanno dovuto investire almeno 10 milioni di dollari cadauno), c’e` un mondo, che difficilmente vorra` farsi amministrare da Zuckerberg.

Come decidera` di replicare ad esempio Bezos, ma anche Apple, tutte quelle aziende, insomma, gia` dotate di tecnologie proprietarie per i pagamenti.  Ma sopratutto le banche private, quelle centrali che non hanno modo di operare o di fare profitto su una criptovaluta mondialmente estesa, e naturalmente gli Stati, perlomeno quelli che sono rimasti sovrani.

In Italia, intanto, la sovranita` e` talmente limitata che la proposta di introdurre buoni del tesoro di piccolo taglio per pagare celermente i numerosi debiti della Pubblica amministrazione ha sollevato una polemica che ha spinto molti giornalisti europeisti a bollare come monetina pataccara quello che potrebbe sembrare un valido sistema di pagamenti alternativi per saldare i debiti dello Stato e dare respiro alle PMI.

Da notare come tale strumento sia stato stato votato in parlamento anche da PD e Piu` Europa, ora proditoriamente critici, accusando un abile gioco di parole di Borghi, in realtà soprattutto aiutato dalla distrazione di politicanti e annoiati e poltronari nominati. Ma di fronte alla minaccia globale di un’azienda privata che cerca di diventare banca centrale del pianeta (perche` di questo si tratta) vediamo cosa sarebbe lo strumento utile e innocuo dei MiniBot, ideato per pagare i debiti della Pubblica Amministrazione, dalla vera voce del suo ideatore Claudio Borghi Aquilini.

 

Borghi, I minibot sono un metodo alternativo di pagamento

"I minibot sono un metodo alternativo di pagamento. Se mai entreranno in funzione saranno opzionali"Claudio #Borghi

Pubblicato da Gruppo Lega – Camera su Martedì 18 giugno 2019

 

di Elena Ferrero

Condividi quest'articolo su -->

Di Redazione Elzeviro.eu

Redazione Elzeviro.eu
--> Redazione

Cerca ancora

Referendum: promemoria per gli elettori del SI’

Il fronte del taglio ha trionfato con percentuali bulgare. Adesso però, a scrutini chiusi e …