Home / Affari di Palazzo / Economia e finanza / Cassa integrazione per i dipendenti pubblici: la nuova trovata del liberista Boeri

Cassa integrazione per i dipendenti pubblici: la nuova trovata del liberista Boeri

Condividi quest'articolo su -->

In questi mesi si sono visti troppi dipendenti pubblici ben felici per il lockdown, tanto “noi lavoriamo in smart working” dicevano.

di Giuseppe Masala

Ovviamente zero controlli, zero tutto. Ma lasciamo perdere. Ciò che mi preme far notare (peraltro per l’ennesima volta), è che questo miracoloso virus (che esiste, lo ripeto, non l’ho mai negato) è funzionale per la destrutturazione del welfare a partire dagli architravi fondamentali: sanità pubblica e istruzione pubblica. Ma anche per ristrutturare la Pubblica Amministrazione.

E questa frase sibillina di Tito Boeri (“piddino”, “supercompetente” e “superblasonato”) che chiede l’introduzione della Cassa Integrazione nel settore pubblico considerando la PA come una sacca di privilegi è inaccettabile. Perché è chiaro: l’introduzione della Cassa nella PA è l’anticamera dell’introduzione del licenziamento.

Lo capisco, è il solito trucchetto: prima si levano i diritti agli altri e poi si indica chi li ha mantenuti come un privilegiato per incanalare la rabbia dei reietti vittime delle passate riforme.

Ma lasciatemelo dire

visto il comportamento dei dipendenti pubblici, da sempre le truppe cammellate dei riformisti-liberisti (con il sedere degli altri), prima nel nome del sogno europeo, poi nel segno dell’emergenza pandemica mi viene davvero voglia di appoggiare Boeri. Guai a chi vi toccava il virus, guai a chi osava dire che con l’emergenza pandemica stavano scassando tutto, tanto voi, cari amici, eravate privilegiati e con il culo al caldo.

Ora, si capisce (e chi scemo non era per il vero l’aveva già capito) che le élites dominanti hanno messo nel mirino “gli ingiusti privilegi” di chi lavora nel settore pubblico. E del resto, se digitalizzano tutto, a che servono milioni di persone in questo settore? A nulla, era ovvio. Beh, a questo punto, viene voglia di dire “arrangiatevi, ve la siete voluta”.

Leggi anche:

“I dipendenti pubblici sono dei sabotatori”: anche Rampini si accoda al mantra neoliberista

Condividi quest'articolo su -->

Di Redazione Elzeviro.eu

Redazione Elzeviro.eu
--> Redazione

Cerca ancora

Verso la fine dell’economia del petrolio

Quando le persone hanno smesso di muoversi per limitare la diffusione del virus il prezzo …